Reputazione aziendale: attenzione alla rete

di Francesca Commenta

La reputazione aziendale come anche quella personale, come è facile capire, è fondamentale per ottenere successo e, soprattutto credibilità in qualunque momento.Tutti fattori insomma che permettono all’impresa di muoversi non senza difficoltà nel mercato, tentando però di raggiungere importanti obiettivi attraverso mirate strategie di marketing. Uno dei pericoli più insidiosi oggi, però, è la rete che veicola notizie in tempo reale che però spesso possono essere pubblicate o modificate a favore di qualcuno o a discapito di qualcun altro. Insomma se la vostra struttura straccia la concorrenza, non è impossibile che qualcuno si senta infastidito e possa mettere su internet se non frasi offensive, almeno allusive e capaci di insinuare un dubbio nei potenziali clienti.

In linea di massima comunque è la stessa azienda a dover stare attenta alla propria immagine, perchè è più facile di quanto si pensi fornire all’esterno una impressione ambigua, soprattutto oggi che con i social network si rimane a digitare le proprie news in continuazione. Se è vero che ciò che è scritto resta, questa regola è valida ancora di più per internet dove non solo ciò che viene pubblicato è facile da ritrovare praticamente sempre, ma in più ogni parola ha un suo peso specifico e bisogna stare attenti a non dare luogo a doppi sensi magari non voluti.

Il web poi rischia di provocare una eccessiva esposizione aziendale non solo con i termini usati o con le news pubblicate spesso, ma anche a livello di immagine stessa. Per cui se è vero che è più facile farsi pubblicità e farsi conoscere anche senza spendere molti soldi, è semplicissimo però stancare gli utenti che si troveranno bombardati da notizie aziendali che magari poco importano. Per cui l’attenzione è il primo fondamentale dettaglio, serve poi cautela nel fornire notizie e un esperto di comunicazione aziendale che sappia quale messaggio veicolare all’esterno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>