Mensa aziendale e palestre: la crisi si combatte così

di Francesca Commenta

 

 Guardiamo spesso film prodotti in America dove in azienda tutto sembra perfetto. C’è la possibilità di portare i figli piccoli con sé e contare sull’aiuto di aree apposite, le mense aziendali sono ovunque ed enormi e poi ci sono anche palestre e sezioni per il tempo libero. Questo forse succede nelle pellicole o interessava il periodo prima della crisi, ma proprio da questo tipo di incentivi potrebbe partire la rinascita di molte ditte. Si, è vero, mancano i fondi e sembra un cane che si morde la coda, ma la soddisfazione dei dipendenti è importante affinché possa costruirsi una immagine perfetta del posto di lavoro all’esterno.

Su internet è tutto un fiorire di esempi di questo tipo realizzati fuori dai confini nazionali quasi sempre, ma che regalano l’idea del bisogno di cambiare che deve partire non solo dall’esterno, ma anche dentro ad una azienda stessa. Si diventa grandi e famosi anche così, non solo rimanendo a capo di un personale svogliato e rifugiandosi dietro la propria scrivania.

Chi è in cerca di soluzioni in grado di incrementare la produttività, una delle possibili alternative è quella da un lato di cercare fondi e dall’altra di mantenere due attività che hanno a che fare con il benessere psico-fisico dei dipendenti, in maniera più o meno diretta. In questo senso, la mensa aziendale e la palestra sono perfette. Questo anche perché per chi lavora in un ufficio conciliare lavoro e tempo libero è difficile e a volte non si rientra con i tempi. Tale possibilità aumenterebbe certamente il livello di soddisfazione. Lo stesso vale sia per gli uomini che per le donne. Un modello che, comunque, sono in tanti imprenditori ad averlo capito e si calcola che nei prossimi anni tante di tali possibilità potrebbero non essere più solo un sogno anche in Italia.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>