Imprenditoria femminile: per una donna è difficile fare carriera?

di Francesca Commenta

Per una donna fare carriera è davvero più difficile? La risposta, in linea di massima, è purtroppo affermativa in un mondo, quello lavorativo, ancora fin troppo in mano agli uomini. L’imprenditoria femminile, negli ultimi anni, però, è riuscita nel miracolo a fare un poco la differenza. Si perché grazie ad una serie di finanziamenti ad hoc molte imprese in rosa, create sulla base di donne talentuose e creative, sono riuscite ad andare avanti. Questo almeno fino all’arrivo della crisi nera, che è quella che stiamo vivendo.

E’ vero altrettanto che, nonostante la situazione in particolare in Italia, le esponenti del sesso femminile veramente in gamba riescono comunque a fare strada senza compromessi, non senza difficoltà e, in molti casi, anche a ricoprire ruoli di una certa importanza. Per questo l’idea di impresa in rosa, qualche volta fa storcere il naso a chi sa che oggi anche le donne hanno diritto e capacità di essere a capo di una ditta di una certa grandezza. La recessione, però, ha inciso anche sull’imprenditoria in rosa che anche se fa registrare comunque grandi numeri, risulta comunque in difficoltà e in qualche caso sono stati chiusi i battenti delle strutture con conseguenti licenziamenti.

Va peggio però alle aziende più classiche e, a sentire le previsioni, non c’è proprio da star tranquilli. Se ancora sentiamo dire che la crisi finirà nei prossimi mesi, allo stesso tempo si parla di ulteriori cassa integrati o di personale in esubero. Una situazione francamente insopportabile per le famiglie italiane che non sanno più cosa inventarsi per arrivare a fine mese. Momento difficile per tutti e uomo o donna, il pericolo di chiudere e di finire a casa è sempre dietro l’angolo con difficili previsioni per il futuro. Incertezza e paura e per una donna in una società di uomini, le possibilità rischiano di affievolirsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>