Buono pasto elettronico nelle mense scolastiche

di Francesca Commenta


Grandi novità nel settore scolastico, perché dal 2011/2012 arriverà il buono pasto elettronico. Trattandosi di una sorta di grande azienda anche qui arrivano quindi leggi adeguate. Parliamo quindi di una tessera ricaricabile, che vanterà un personale numero identificativo associato ai vari alunni, che faciliterà un sistema attualmente molto in crisi, ma chiaramente sempre molto utile.

 

Detto pure badge garantirà ai genitori dei ragazzi delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, di conoscere in anticipo le spese dei figli e di pagarle in tempo almeno a livello di pasti. Questo ovviamente presso le sedi degli istituti scolastici stessi e dell’Ufficio Mensa Comunale, come attraverso gli sportelli self service (totem) collocati in alcune zone della città italiane in cui saranno inseriti e in particolare dalle parti di Pomezia. Non appena il il credito residuo scenderà al di sotto del costo di due pasti il sistema permetterà la fornitura del pasto all’alunno ma nello stesso tempo, verrà avvisato l’utente o l’ufficio Mensa di quanto sta avvenendo attraverso una mail.

Nel caso di Pomezia le tessere stanno per essere inviate dal Comune, con raccomandata, , a tutti gli alunni del posto che ne hanno diritto. I vari badge sono forniti di codice d’accesso e password attraverso i quali gli utenti potranno collegarsi al sistema informatico e prendere visione dei giorni di presenza dell’alunna/o, della situazione pagamenti. Non manca lo spazio per le comunicazioni da inviare all’Amministrazione comunale o al gestore del servizio. Già da settembre 2011 si potrà usufruire di questo sistema innovativo. A tal proposito l’Assessore alla Pubblica Istruzione Rosaria Del Buono ha detto: “Il buono pasto elettronico è uno strumento in grado di semplificare il servizio, di eliminare le lunghe code agli sportelli comunali, oltre che controllare direttamente il consumo dei ticket on line o presso gli appositi sportelli installati in città. E’ un ulteriore passo in avanti verso l’informatizzazione dei servizi comunali, ma, come tutte le novità introdotte finora, sarà accompagnata da un’attenta campagna informativa volta alla sensibilizzazione degli utenti/genitori”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>