107mila aziende in più in tre mesi

di Francesca Commenta

 Se è vero che le aziende nascono e muoiono quasi alla velocità della luce, è altrettanto sicuro che molti imprenditori tentano ancora di dare scacco matto alla crisi economica. Ecco, quindi, che dopo tanti sforzi qualcosa si muove in positivo e la natalità e mortalità delle imprese subisce dei sensibili cambiamenti. Gli ultimi dati li ha confermati Unioncamere su dati InfoCamere, parlando del trimestre aprile-maggio-giugno del 2011. Il bilancio demografico delle imprese, infatti, controllato grazie ad attente osservazini dei registri camerali, ha segnato un saldo positivo complessivo per 38.959 unità. Nello specifico, quindi, il numero di iscrizioni è stato pari a 107mila e in linea con lo stesso periodo del 2010.

La novità però non manca e quindi sono le cessazioni ad essere aumentate fermandosi a 67mila unità, circa 7.500 in più rispetto al secondo trimestre dell’anno scorso. Ad andare bene è il settore artigiano con un incremento della base imprenditoriale nelle ultime settimane. Questo arriva a seguito di un lento recupero del settore che ha fatto segnare una leggera crescita rispetto agli stessi mesi dello scorso anno. In più sono diminuite le cessazioni.

Tra aprile e giugno, poi, il numero totale delle imprese registrate è cresciuto dello 0,64%, a fronte di un incremento dello 0,78% segnato nello stesso periodo del 2010. In definitiva al 30 giugno di quest’anno, si contano 6.119.975 imprese, di cui 1.464.322 artigiane. In merito al saldo tra iscrizioni e cessazioni, il 33%, pari a 12.869 imprese, è concentrato nelle regioni meridionali ed insulari, mentre il 36,4% (14.200 in termini numerici) sono imprese costituite in forma di società di capitali e il 22% interessa il settore del commercio.Se quindi non è certo un momento tranquillo per decideredi dare vita ad una società con notevoli investimenti, in molti non si arrendono e provano ad inserirsi in un mercato ancora parecchio precario, sperando che passione e buona volontà alla lunga paghino e portino a risultati almeno discreti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>