Commercio, grande distribuzione in crescita ad ottobre

di Michele Costanzo Commenta


Recenti dati ISTAT relativi al mese di ottobre 2015 mostrano andamenti contrastanti per il commercio al dettaglio con una flessione in termini congiunturali ed una prevalente crescita in termini tendenziali. In questo contesto la grande distribuzione si muove meglio del mercato con una crescita tendenziale superiore al 2%.

I numeri ISTAT mostrano per il mese di ottobre dati congiunturali negativi per il commercio al dettaglio. Per il settore le vendite sono in calo dello 0,3% in valore rispetto a settembre con una flessione più marcata per il settore alimentare (-0,8%) rispetto a quello non alimentare (-0,1%). In termini di volume le vendite sono invece in calo dello 0,6% distribuito tra il -1,2% del settore alimentare ed il -0,1 del settore non alimentare.

Nell’analisi tendenziale invece prevale il segno positivo. Ad ottobre 2015 infatti le vendite al dettaglio sono in crescita del’1,8% in valore rispetto allo stesso mese del 2014. La crescita è maggiore nel settore non alimentare (+2,1%) rispetto al settore alimentare (+1,6%). In termini di volume le vendite al dettaglio sono invece in crescita dello 0,8% con un andamento oscillante tra il +1,4% del settore non alimentare ed il -0,3% del settore alimentare. I dati cumulati dei primi dieci mesi dell’anno mostrano infine una crescita del commercio al dettaglio dell’1,0% in valore e dello 0,6 in volume.

Sempre in termini tendenziali la grande distribuzione registra performance migliori rispetto ai piccoli esercizi (“Imprese operanti su piccole superfici”). Nel raffronto tra ottobre 2015 ed ottobre 2014 la grande distribuzione cresce del 2,3% in valore contro il +1,4% dei piccoli negozi. La stesso andamento di ritrova:

  • nel settore alimentare: +2,1% grande distribuzione, +0,0% piccoli negozi
  • nel settore non alimentare: +2,4% grande distribuzione, +1,8% piccoli negozi

Considerando infine i primi 10 mesi dell’anno, la grande distribuzione cresce dell’1,9% in valore contro lo 0,1% dei piccoli esercizi.

[Via | ISTAT]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>