Aziende Emilia Romagna: le più puntuali a pagare i fornitori

di Francesca Commenta

E’ un dato curioso e, nello stesso tempo, interessante: l’Emilia Romagna è risultata essere la regione italiana più puntuale in merito ai pagamenti delle aziende ai fornitori. Questo secondo una osservazione condotta nel primo trimestre 201. La media rilevata è di 49,23% di aziende (contro il 41,8% nazionale). Tutti questi esercizi, infatti, sono stati perfetti in merito al saldo dei propri conti alla scadenza pattuita. La ricerca evidenzia, inoltre, un netto miglioramento rispetto al passato con un più 4%. Nello specifico, è possibile confermare che a fine marzo 2010 il tasso di puntualita’ in regione era del 44,9%.

Tra le peggiori dell’area, però resta proprio Bologna anche se ha recuperato rispetto a quanto avveniva qualche tempo fa. Le imprese che pagano in tempo, in questo caso sono il 46,38% contro il 42,7% del marzo 2010. Lo studio sull’argomento è stato condotto da Cribis D&B, societa’ del gruppo CRIF specializzata nelle informazioni commerciali alle imprese.Per quanto riguarda le posizioni occupate, ecco le migliori: di Forli’ Cesena (55,77% di imprese puntuali), seguita da Reggio Emilia (52,92%), Ravenna (51,87%), Rimini (51,41%), Modena (48,14%), Ferrara (47,45%), Parma (47,23%), Piacenza (46,83%). Fanalino di coda Bologna.

Se vogliamo entrare nello specifico di percentuali ben più rosee del passato, possiamo dire che: il 49,23% delle aziende e’ stato puntuale nei pagamenti contro il 44,9% dell’anno precedente, il 47,98% ha tardato di un mese, l’1,80% ha saldato tra i 30/60 giorni, lo 0,56% dopo 60/90 giorni, lo 0,30% dopo 90/120. Insomma la media regionale resta comunque la migliore in tema nazionale e coloro che hanno pagato oltre i 120 giorni non hanno superato lo 0,13%, mentre nel 2010 erano il 2,1%. Volgiamo però lo sguardo al capoluogo, dove all’inizio del 2011 il 46,38% dei pagamenti delle imprese ha rispettato i termini contrattuali, il 50,94% ha saldato i conti entro un mese, l’1,86% tra i 30 e i 60 giorni, lo 0,45% tra i 60 e i 90 giorni, lo 0,27% tra i 90 e i 120 giorni. Lo 0,12% oltre il limite dei 120. Interessante sapere, infine, che le strutture che pagano in ritardo sono proprio le più grandi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>