Strategie aziendali: Google Plus contro Facebook?

di Francesca Commenta

Facebook perde punti in borsa e la colpa sarebbe di Google Plus che sembra avergli dichiarato guerra senza troppi giri di parole. Il progetto on line dell’impresa più potente del mondo ha lasciato zoppicare il social network per eccellenza e non sono del tutto prevedibili gli scenari per l ‘immediato futuro. Il network di Mark Zuckerberg, giovanissimo eppure estremamente ricco grazie alla sua geniale idea potrebbe avviarsi verso il declino, ma c’è da giurarci che l’immensa macchina che sta dietro questo immenso progetto, fatta di idee e persone, non si darà per vinta.

Google Plus dal canto suo, a parte la grafica simile non promette mica di copiare Facebook ma garantisce una immediata condivisione più intelligente dei contenuti e delle conversazioni nella propria rete di amicizie. Insomma apparirebbe potenziata proprio dove il social mostra le sue debolezze da sempre. Qui, infatti, esisteranno diversi tipi di amici che potranno accedere a determinate aree del nostro profilo.

Insomma con buona pace di chi capirà immediatamente in quale posto si trova nel cuore di chi ha scelto tra i contatti, non sarà immediato mostrare a tutti video, foto e testi personali se non con una specifica volontà. Con Facebook, raggiungere questi “livelli ” di privacy non è impossibile ma più macchinoso. In più, grazie al pulsante +1, segnalerà pagine web ai gruppi per creare spunti di discussioni. Parliamo sempre di un giro di miliardi non indifferente che renderà ancora più famoso Google se è possibile che già da tempo aveva gettato lo sguardo sul mondo dei social network. In questo momento, comunque, Google Plus è in fase di test e ci sono circa 1.8 milioni di utenti nel mondo che lo stanno utilizzando.In tema di affari comunque gli inviti sono stati mesi in vendita su eBay e quindi già girano somme elevatissime intorno ad un progetto all’alba del suo successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>