Flotte aziendali: criteri di scelta

di Francesca Commenta

flotte aziendale

In che modo oggi si scelgono le flotte aziendali? Le ditte che possono permettersele, per quali soluzioni di risparmio optano? E’ un momento economicamente difficile e questo lo sappiamo ma l’aumento dei costi di acquisto e la difficile gestione di una serie di vetture, scoraggia non poco.  Gli incentivi statali 2013 per il rinnovamento del parco auto aziendale con vetture ecologiche non sembrano essere stati d’aiuto più di tanto, anche perché in parametri per usufruirne erano piuttosto limitati.

Il primo elemento da considerare, quindi, è quello del prezzo.  Quello che si cerca è un buon compromesso tra qualità e costi, per ottenere il massimo spendendo il minimo budget a disposizione. I gestori di auto aziendali, comunque, non trascurano nemmeno altri elementi di rilevanza pure sociale. La sicurezza viene presa, giustamente, in grande considerazione e subito dopo si pensa pure al costo di esercizio. Un pò distaccate la facilità di manutenzione e le basse emissioni di CO2. 

Ancora, si tiene conto anche se non in modo esagerato del “valore residuo” del veicolo, cioè al prezzo che ritengono di spuntare quando rivenderanno l’auto usata. In fondo alla classifica anche l’immagine aziendale conferita attraverso il  modello e la marca della vettura. Non è più tempo di badare all’immagine, insomma, ora è tempo di pensare alla sostanza. Insomma, potersi permettere ancora oggi delle flotte aziendali, senza dover fare dei pesanti tagli pure a questa vote, denota che una ditta è piuttosto forte, ma pure in questo caso bisogna non sperperare il denaro e puntare su funzionalità, praticità e risparmio. Lo sanno bene i dirigenti delle aziende che hanno dovuto fare nel tempo di necessità virtù. Con i tempi quindi cambiano pure i modelli e ne vengono presentati di nuovi a minor costo e con optional alternativi adatti immediatamente a chi lavora con la consegna della merce. 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>