Controllo aziendale e posta elettronica

di La redazione Commenta

L’imprenditore a capo di una azienda non può chiaramente controllare tutto e per questo si avvale dell’aiuto di validi collaboratori con competenze specifiche a seconda del settore di impiego. I suoi poteri nei confronti delle persone che assume sono limitati e, comunque, non devono mai intralciare la privacy personale, ecco perchè non potrà avere accesso alla posta elettronica e dovrà attenersi strettamente a tale regola. Del resto, la segretezza della corrispondenza è tutelata nel nostro ordinamento dalla Carta Costituzionale.

Una legge che non va mai violata e che riguarda, in particolare, l’art. 15 della Costituzione che dispone, infatti, che: “La liberta’ e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili. Il codice penale punisce chiunque prende cognizione del contenuto di una corrispondenza chiusa, a lui non diretta, ovvero sottrae o distrae, al fine di prenderne o di farne da altri prendere cognizione, una corrispondenza chiusa o aperta, a lui non diretta…” (art. 616 cod. Pen.).

Con l’introduzione di altre forme di corrispondenza, qualche anno fa, la legge è stata leggermente modificata, aprendosi pure alle forme di comunicazione che avvengono per via telematica. Secondo l’art. 5, Legge 23 dicembre 1993, n. 547, tra posta tradizionale e quella via internet, infatti, non ci sono differenze. E’ come se si trattasse di corrispondenza chiusa e violarla è reato. Il datore di lavoro, quindi, che effettua dei controlli sull’utilizzo dell’account aziendale, entra in diretto contrasto con il divieto del controllo a distanza dell’attività lavorativa, posto dall’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori che prevede il divieto generale di installazione e l’utilizzo di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature che abbiano quale lo scopo di controllare a distanza l’attività dei lavoratori. L’unica giustificazione a tale atto, che deve comunque essere dimostrabile, riguarda esigenze improrogabili organizzative o di sicurezza. In tali casi, l’utilizzo di impianti dai quali possa derivare la possibilità di controllare a distanza l’attività lavorativa è legittimo. Questo però se l’evento sia già stato concordato con le rappresentanze sindacali aziendali o, in mancanza, autorizzata dall’Ispettorato del Lavoro.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>