Sicurezza informatica? L’obiettivo di molte aziende

di Francesca Commenta

 

Oggi più che mai per una azienda che vuole crescere e raggiungere i propri obiettivi nel più breve tempo possibile, è necessario curare la sicurezza informatica. I dati personali, i punti forza e le strategie interne insomma non possono assolutamente essere messi in pericolo e spiati con il rischio anche che vengano copiati. Un sondaggio di natura internazionale non ha lasciato spazio a dubbi e conferma che le imprese sono preoccupate da tale fattore e gli imprenditori investono parecchio in protezioni sempre più sicure e sofisticate.

Un sondaggio internazionale mostra che le aziende sono preoccupate per la propria sicurezza informatica e corrono ai ripari investendo in protezioni. Gli esperti IT di molte strutture in giro per l’intero globo non hanno dubbi e confermano che il rischio principale con cui devono confrontarsi è proprio questo. Sono molto meno pericolosi crimini o attentati o ancora catastrofi naturali, soprattutto perchè per fortuna non sono così frequenti.

A confermare i dati ci ha pensato direttamente l’edizione 2011 della State of Security Survey, uno studio che ha analizzato gli sforzi compiuti in tema di sicurezza informatica dalle società mondiali. I paesi interessati sono ben 36, mentre le dimensioni non importano. Tempi duri del resto per chi vuole fare il furbo, visto che la sicurezza online è sempre più precisa e le minacce se non potentissime non riescono ad essere più tali come un tempo. Tuttavia non è proprio il caso di cantare vittoria perchè la maggior parte degli intervistati tra lavoratori e studenti hanno comunque dichiarato di aver subito danni a causa di cyber attacchi, anche se in quantità minore rispetto al 2010. A tal proposito è intervenuto Sean Doherty, vice president and chief technology officer of Enterprise Security di Symantec, uno dei leader globali nella creazione di soluzioni per la sicurezza, lo storage e la gestione dei sistemi per i dati informatici il quale ha riferito: “Il mobile computing, l’uso dei social media e la “consumerizzazione” dell’IT comportano nuove sfide. E le aziende hanno aumentato il loro impegno nella sicurezza informatica”.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>